Share

Tecnologia e Benessere

aria salubre nelle nostre case


Spesso la propria abitazione o il luogo di lavoro, non è del tutto salubre come si crede, e siccome ci passiamo la gran parte del nostro tempo ed i più piccoli ci crescono è necessario creare le condizioni giuste,migliorando la qualità dell’aria, riducendo i contaminanti, siano essi di natura chimica (fumo, pitture, vernici) che di natura biologica (condizionatori, umidificatori, tappeti).

Respiriamo Pulito

Per quanto ci si sforzi a mantenere un ambiente sano, stando attenti nello sciegliere gli arredi i tessili, tende tappeti/moquettes, col tempo se non si trovano in ambienti sufficientemente aereggiati, possono rilasciare sostanze dannose come la formaldeide, ovvero un gas incolore che deriva dall’ossidazione del metanolo, causa frequente di cefalee e asma.Stesso discorso per alcuni tipi di collanti per parati o parquet contenenti sostanze chimiche inquinanti che possono creare patologie anche croniche alle vie respiratorie. Anche i prodotti per la pulizia dell’ambiente domestico influiscono sulla qualità dell’aria. Detergenti e saponi contengono sostanze chimiche inquinanti che si rivelano anche irritanti e tossiche a contatto con pelle e occhi. Meglio utilizzare prodotti ecologici e naturali come il bicarbonato e l'aceto o almeno, stoccare il tutto in locali aerati e sempre lontano dalla portata dei bambini.

Ma in che modo purificare l'aria di casa?

Purificare l'aria di casa e quindi migliorare il benessere delle persone che vi soggiornano, può essere ottenuto sia con rimedi naturali che artificiali. Sono diverse le soluzioni oggi sul mercato che consentono di migliorare l’igiene domestica agendo sulla purificazione dell’aria di casa.

Nello specifico quali soluzioni attuare per far respirare aria sana ai nostri cari?

Uno dei principali metodi per contrastare l'inquinamento tra le mura di casa, mantenendo cosi un buon livello di salubrità dell'aria è certamente quello di utilizzare particolari tipi di piante, in grado attraverso un naturale meccanismo di neutralizzare alcuni fra gli agenti inquinanti dell’aria, tra i quali i composti organici volatili.








user-image






user-image


Alcune Piante da Appartamento Antinquinamento


Le piante da utilizzare sono classificabili in base agli effetti che producono. In particolare per gli effetti di purificazione dell’aria ci sono alcune specie particolarmente adatte....A seguire,alcuni tipi di piante indoor con descrizione delle proprietà antismog che le caratterizzano.



Palma di bambù

Questa piccola palma cresce bene in zone d’ombra e spesso produce fiori e piccoli frutti. È uno dei migliori filtri naturali contro il benzene e il tricloroetilene ma è anche capace di neutralizzare la formaldeide.

sansevieria(lingua di suocera)

Questa comunissima specie da interni ha delle ottime qualità nel depurare la formaldeide, sostanza dannosa presente in moltissimi prodotti per la pulizia. E’ una buona idea inserirla negli ambienti che si lavano di frequente come bagno o cucina, dato che resiste bene anche negli spazi meno luminosi.

Bengiamino(ficus benjamina)

Questa pianta elegante e delicata ci aiuta a eliminare gli inquinanti dannosi presenti nel fumo di sigaretta. Ventilando spesso gli ambienti e sistemando qualche ficus riuscirete a controllare gli effetti inquinanti del tabacco.

Spatifillo(Spathiphyllum mauna loa)

Questa pianta dagli eleganti fiori bianchi è imbattibile nella lotta dei composti organici volatili tradizionali ma si dimostra efficace anche contro il toluene e lo xilene.

Azalea(Rododendron simsii)

La più famosa nella famiglia dei rododendri con i suoi fiori voluminosi dà un tocco di colore mentre purifica l’aria da formaldeide ed altri inquinanti presenti in colle e pitture senza subire danni dall’assorbimento dei veleni.

Aloe(Aloe vera)

Questa pianta, appartenente alla famiglia delle succulente, è molto semplice da coltivare e può dimostrarsi un fidato alleato contro la formaldeide e il benzene. Un buon posto per collocarla potrebbe essere una finestra ben illuminata in cucina. Oltre alle sue proprietà purificanti dell’aria dal suo estratto si ottengono delle ottime creme lenitive per la pelle.

Edera comune(Hedera Helix)

Il più famoso tra i rampicanti è una delle piante per depurare gli ambienti che combatte la formaldeide e gli inquinanti trasmessi dagli animali domestici. Appenderne qualcuna in salotto abbellirà la casa neutralizzando i cattivi odori.

Falangio(Chlorophytum comosum)

Questa pianta è perfetta anche per chi non ha il pollice verde, è robustissima e sopravvive in quasi tutte le condizioni mentre filtra benzene, ossido di carbonio, formaldeide e xilene.

dracena(Dracaena marginata)

Grazie alle sue bordature di un rosso intenso, la dracena aggiunge sicuramente un tocco di colore ai nostri ambienti ed il suo arbusto può crescere per diversi metri. È l’ideale per combattere sostanze come lo xilene, il tricloroetilene e la formaldeide, che come abbiamo già detto possono essere presenti in lacche o vernici.

Anturio(Anthurium andreanum)

L’Anturio è una delle migliori piante per depurare gli ambienti dall’ammoniaca e riesce a filtrarne 10 microgrammi ogni ora mentre ha ottime caratteristiche anche contro lo xilene e il toluene.


Apparecchi Purificatori d'aria


Ma cosa sono i purificatori d'aria e a che servono?



I purificatori d’aria sono degli apparecchi elettrici di dimensioni variabili, infatti alcuni sono piccoli e facilmente trasportabili, altri possono avere delle dimensioni maggiori, al fine di eseguire funzioni diverse o coprire spazi particolarmente ampi.Il loro scopo finale è quello di rendere l’aria libera il più vicino possibile al 100% da tutte quelle forme di inquinamento e di agenti che la contaminano e la rendono deleteria per la salute quando la respiriamo.

Esistono varie tipologie di questo oggetto, a partire da quelli d’aria ad ozono, mediante cui i microrganismi presenti nell’aria vengono eliminati proprio grazie al rilascio di alte quantità di ozono. Per poi passare ai purificatori con ionizzatore, ossia un modello che prevede l’inserimento di uno ionizzatore al suo interno in grado di eliminare le micro particelle presenti nell’aria, infatti tramite la sua operazione le carica positivamente e negativamente e le costringe ad attaccarsi tutte su un punto ben preciso. In questo modo riesce ad eliminare gran parte delle sostanze e degli odori.

Infine, ci sono purificatori d’aria con filtro HEPA, con un’efficacia sull’eliminazione dell’inquinamento pari al 99,97%, anche se i costi per questi modelli spesso sono parecchio elevati. Questi modelli di solito dispongono di una particolare lampada LED che riesce a tenere pulito il filtro evitandone in questo modo la frequente sostituzione e di conseguenza riducendo i costi per la manutenzione dell’oggetto.

ionizzatori per ambienti domestici


Cos’è uno ionizzatore?

Uno ionizzatore è un apparecchio per purificare l’aria indoor: caricando elettricamente le molecole dei gas che compongono l’aria, crea degli ioni, da cui il nome della macchina. Questi ioni, sospesi in aria, vanno a legarsi con le particelle inquinanti contenute nell’aria, come il particolato e gli allergeni che causano patologie respiratorie.


 Funzionamento di uno ionizzatore d'aria

Il dispositivo produce ioni, solitamente ioni negativi: tramite appositi emettitori preleva elettroni da terra e li trasferisce alle molecole dell’aria circostante agli emettitori stessi. Gli ioni vengono prodotti esponendo le molecole d’aria ad un’altissima tensione: aggiungendo o togliendo un elettrone alle particelle d’aria si creano ioni negativi o positivi. Le molecole acquisiscono la carica dello stesso segno di quella presente sugli emettitori e ne sono quindi respinte, creando una debole corrente d’aria attorno al purificatore.

Perché è utile avere uno ionizzatore in casa?

L’aria degli ambienti indoor come case e uffici può essere molto inquinata: le sostanze dannose si accumulano e spesso le finestre non vengono aperte a sufficienza per garantire il necessario ricambio d’aria. Gli ioni delle particelle d’aria si combinano con le particelle inquinanti come le polveri sottili, andando poi a precipitare su una superficie caricata in segno opposto, come le pareti della stanza. In questo modo, alcune delle sostanze dannose vengono rimosse dall’ambiente interno e quindi si evita di respirarle.

Nello specifico quali soluzioni attuare per far respirare aria sana ai nostri cari?

Uno dei principali metodi per contrastare l'inquinamento tra le mura di casa, mantenendo cosi un buon livello di salubrità dell'aria è certamente quello di utilizzare particolari tipi di piante, in grado attraverso un naturale meccanismo di neutralizzare alcuni fra gli agenti inquinanti dell’aria, tra i quali i composti organici volatili.








user-image
















user-image








user-image










user-image